Fidia

Eremo Verginiano di Sant’Onofrio

petinaPetina - Un memoratorium del 1018 attesta che l'abate Leontius ricevette dal gastaldo Manno alcune terre nei pressi del fiume Calore. Insieme alle terre il gastaldo conferì all'abate Leonzio anche l'autorità su di esse.

L'abate avrebbe edificato in quei luoghi una hecclesia in onore Sancti Enufri lasciando in eredità alla chiesa la metà dei suoi beni.

La fondazione di S. Onofrio potrebbe essersi sovrapposta a forme di eremitaggio molto più antiche: è possibile che i monaci chiamati da Leonzio avessero continuato ad occupare le celle rupestri degli eremiti.

Sant'Onofrio è un indiscutibile segno del paesaggio culturale: sicuramente ascrivibile alla fase architettonica iniziale, il campanile presenta molte analogie con quello di Santa Maria della Sperlonga.

 

petina1 petina2 petina4
petina3

FIDIA S.R.L.

Architettura

Progettazione

Rilievi ed

Elaborazioni

Sede Legale

94, via A. D'Alessandro

80124 Napoli

P.I. 05789800637

www.fidiark.it

Studio

42, via Girone

80078 Pozzuoli Napoli

+39 081 5262859/fax

info@fidiark.it

Architetto

Manlio Sarno

manlio.sarno@fidiark.it

Skype: STUDIOFIDIASRL

+39 348 5908100

You are here Itinerari Eremo Verginiano di Sant’Onofrio

Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti, anche di profilazione, legati alla presenza di social plugin, e di altri elementi utili alla navigazione. Se vuoi ulteriori informazioni sui cookie utilizzati nel sito e leggere come disabilitarli, leggi la nostra informativa estesa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.informativa estesa.

Accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information